Il teatro costituisce da sempre una forma espressiva di grande attrattiva per il pubblico, nonché voce narrante della complessa e sfaccettata realtà umana. Per chi lo vive dal palcoscenico, è un luogo di aggregazione e un ambiente fortemente stimolante in cui un individuo può affrontare e superare le proprie paure e timidezze.

Numerosi studi confermano che partecipare ad un laboratorio teatrale sia un percorso interiore e formativo di alto livello.

Se da una parte, infatti, la recitazione è espressione artistica della realtà e dimostrazione dell’abilità interpretativa dell’attore, dall’altra rappresenta uno strumento con cui lo stesso intraprende un viaggio verso la scoperta di sé. L’interpretazione di un ruolo a volte molto lontano dal proprio carattere permette di esprimere nella sua interezza un bagaglio interiore che altrimenti rimarrebbe celato. L’esperienza teatrale in tal modo consente all’attore di vivere molteplici vite, calandosi di volta in volta in realtà diverse tra loro e mettendosi alla prova con sfide sempre più ambiziose.

Attraverso il teatro, l’attore interagisce e si rapporta con gli altri, oltre che con sé stesso.

Lavorando sulla sinergia necessaria all’interno di una compagnia teatrale, in cui il ruolo del singolo ha un impatto fondamentale su tutto il gruppo, si ha la possibilità di riscoprire valori spesso dimenticati come l’amicizia e la fiducia negli altri.

Come nella vita reale, l’affiatamento e la solidarietà nella compagnia sono condizioni imprescindibili per il successo di una rappresentazione.

Il teatro è lo specchio del mondo e, come tale, in esso è possibile riconoscere il proprio vissuto e quello delle persone incontrate nel corso della vita. Gli stereotipi che si ritrovano continuamente sulle tavole del palcoscenico, come l’arrogante, il cinico, il violento, il generoso, il testardo, il buono, il cattivo appartengono di fatto alla nostra realtà.

Per questo motivo, lo studio dei vari personaggi di un copione, allo scopo di coglierne in profondità le molteplici sfaccettature e analizzare comportamenti anche opposti ai nostri, rappresenta un’occasione perfetta per “mettersi nei panni dell’altro”. Questa immedesimazione alimenta la consapevolezza che conoscere ciò che è diverso da noi non può che arricchirci e migliorarci.

Con queste premesse, il nostro laboratorio si pone l’obiettivo di intraprendere un percorso di studio ed introspezione che aiuti i partecipanti a potersi esprimere conlibertà, a riscoprire la fiducia in sé stessi e negli altri e a diventare consapevoli delle proprie qualità e del proprio coraggio. Lavoro di squadra, sinergia e confronto saranno le basi con cui affronteremo tutte le fasi di lavoro propedeutiche alla rappresentazione teatrale di fine corso. Nello specifico, il corso sarà suddiviso nelle seguenti attività, che si svolgeranno durante gli incontri settimanali: 

  • Analisi di copioni di autori vari;
  • Lettura e interpretazione del significato dell’opera;
  • Possibilità per i partecipanti di presentare dei propri testi inediti;
  • Studio e caratterizzazione dei personaggi;
  • Discussione sulla singolarità dei personaggi;
  • Analisi e sviluppo delle doti interpretative dei singoli partecipanti;

Conoscenza ed uso degli strumenti espressivi; la voce, i gesti, la mimica;

  • Lettura di un ruolo e tecniche di memorizzazione;
  • Preparazione del saggio di fine anno.

Il laboratorio inizierà il 21 ottobre 2020 e terminerà a maggio 2021, ogni martedì dalle 9.30 alle 13.30.
A fine laboratorio è previsto uno spettacolo finale a conclusione del progetto.

Luogo del corso e dello spettacolo finale: Teatro Roma (340 posti)  Via Umbertide 3, Piazza di Santa Maria Ausiliatrice, 00181 Roma RM. 

Per iscriversi alle nostre attività bisogna chiamare

i numeri 379.1142682 dal lunedì al venerdi dalle 9:00 alle 18:00 regionalelazio@assipromos.it
e il numero 06 64.82.13.25 da lunedi alla domenica dalle 9.00 alle 19.00 (anche whatsapp) info@associazionepsy.it
compilare il modulo sul sito www.progettoantera.it

o rivolgersi dal 01.09.2020 è attivato lo Sportello di segretariato presso Centro Polifunzionale del Municipio Roma VII – Via Siderno 1 – Roma – martedi e venerdi 9.30 – 13.00 – per dare informazioni ed accogliere adesioni e richieste.